Sgravi ai Terremotati Governo in Campo

Sgravi ai Terremotati: Governo in Campo

Il Governo si è messo all’opera per applicare gli sgravi fiscali per i comuni che ricadono nelle zone rosse delle regioni italiane colpite dai terremoti del 24 agosto 2016 ad Amatrice e del 21 agosto a Ischia. La richiesta è stata ribadita con forza nella persona del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, che a mezzo stampa ha protestato per la mancata esenzione totale dalle tasse in riferimento a quando disposto dal Dl 50/2017. I sindaci del cratere che ha interessato il terremoto nei comuni colpiti di Amatrice, Arquata del Trono e Accumuli sono stati messi al corrente dei provvedimenti con una circolare. La stessa li ha informati che gli sgravi fiscali saranno spalmati in 3 anni, in particolare per quanto riguarda le imprese.

A seguito delle rimostranze di Pirozzi, che ha definito l’operazione “una presa in giro”, il Ministero della Sviluppo Economico, ma anche il Presidente del Consiglio Gentiloni e lo stesso capo dello Stato Mattarella, si sono resi disponibili a modificare il decreto d’urgenza.
Gentiloni ha anche sottolineato come il compito della ricostruzione sia difficoltoso, ma che l’impegno da parte del Governo è quello di ricostruire e di “aggiustare” quello che deve essere riparato.
Gentiloni ha anche sottolineato come sia fondamentale, per ridare speranza ai terremotati di Lazio e Abruzzo, la rimozione delle macerie. Anche a questo proposito il Presidente del Consiglio ha sottolineato l’impegno di risorse a breve termine.
Alla disponibilità a concentrare gli sgravi fiscali dei terremotati durante il prossimo anno ha fatto eco la visita di Mattarella a Ischia, a seguito del terremoto che il 21 agosto scorso che ha interessato i comuni ischitani di Casamicciola e Lacco Ameno

La visita di Mattarella a Ischia

Ischia ha accolto con calorosi applausi, ma anche con apprensione il Presidente delle Repubblica Mattarella, che ha sottolineato lo stanziamento di 7 milioni di euro per i 2600 sfollati che si ritrovano senza casa.
Anche se molti sono stati sistemati in alcune strutture ricettive o hanno trovato accoglienza presso parenti e amici, c’è la voglia di tornare a una vita normale.
Alcuni terremotati hanno esposto il problema direttamente al Presidente Mattarella, che ha raccomandato di agire “secondo le regole”.
La stessa raccomandazione arriva all’indomani delle accuse mosse a proposito di un presunto abusivismo dilagante nell’isola, che tuttavia non ferma gli aiuti del Governo in vista della ricostruzione.
Il passo obbligato per stanziare i fondi è stato dato con la dichiarazione dello Stato di Emergenza concessa all’indomani del sisma dal Consiglio dei Ministri.
Il commissario a cui è stato affidato il compito di organizzare e dirigere i primi interventi con lo stanziamento iniziale è l’architetto Giuseppe Grimaldi.
Mattarella, dopo aver incontrato personalità civili e religiose, ha apprezzato come Ischia abbia saputo gestire l’accoglienza turistica, da sempre settore economico trainante dell’isola.